Pochi pomodori? Occorre migliorare l’impollinazione

Pochi pomodori? Occorre migliorare l’impollinazione

 

Il pomodoro è una pianta autofertile, cioè è in grado di fecondarsi da sola. Tuttavia in condizioni sfavorevoli, quali la scarsa luminosità, l’assenza i vento e di insetti pronubi o l’eccessiva umidità, l’impollinazione può essere difficoltosa.

I fiori del pomodoro sono riuniti in grappoli su cui si sviluppano più o meno numerosi; generalmente la formazione dei frutti non avviene simultaneamente ma scalarmente, salvo alcune varietà dette “a grappolo” che prevedono una maturazione simultanea di tutti i frutti. I grappoli fruttiferi si distinguono piuttosto bene dalle femminelle, perché queste puntano decisamente verso l’alto mentre i grappoli tendono a disporsi orizzontalmente. Per favorire una migliore fruttificazione le femminelle vanno eliminate, i grappoli fruttiferi, ovviamente, no. Anzi è importante che questi portino quanti più fiori possibile
Frutticini di pomodoro tondo da tavola
 
Il pomodoro è autofertile, quindi i fiori della stessa pianta si impollinano reciprocamente. Questa operazione, che potrebbe apparire semplice, presenta molte difficoltà se le condizioni ambientali della pianta non sono ottimali. In particolare è necessaria la presenza di luce; inoltre è indispensabile che le piante siano almeno leggermente ventilate, e che gli insetti pronubi possano circolare liberamente tra di loro.
Getto fiorale con fiori aperti
 


I MIGLIORI LIBRI SULL’ORTO
 

SOLO PER POCHI GIORNI
RITORNA L’OFFERTA

TUTTA LA COLLEZIONE (8 libri) SOLO  
49,90 EURO 
+ spedizione 6,00 euro

ANZICHE’ 69,90 
+ spedizione

Offerta valida fino al 16/4/2013

la trovi su: ww.delmedico.it

Spesso queste condizioni non si realizzano tutte, specialmente quando il pomodoro è coltivato in serra, oppure in condizioni di mezza luce o di scarsa temperatura.

Nella coltivazione industriale, che avvengono spesso in serra, il problema viene risolto con dei trattamenti ormonali fatti usando sostanze chimiche sui singoli fiori.

Fiori di pomodoro
 

Ovviamente nei nostri orti non vogliamo usare ormoni o prodotti simili, quindi dovremo adottare alcuni accorgimenti atti a facilitare l’impollinazione. Ne segnalo alcuni.

Dare luce a sufficienza. Il pomodoro coltivato in una zona dell’orto che dispone di luce solo per mezza giornata darà sicuramente una produzione inferiore, la pianta sarà più esile e più soggetta alle malattie come la peronospora e l’oidio.

Assicurare una temperatura adeguata. Il polline non è efficace se la temperatura è inferiore ai 10 C° sia di giorno che di notte. Evitate di seminare o trapiantare all’aperto troppo presto.

Favorire l’azione degli insetti pronubi. Qualsiasi trattamento a base di prodotti, sia pure biologici come la poltiglia bordolese, lo zolfo ramato e simili, non va mai fatto sui fiori e possibilmente andrebbe evitato quando la pianta inizia la fioritura.

Favorire la diffusione naturale del polline. Piante troppo fitte impediscono la diffusione del polline, sia perché conservano all’interno un microclima umido, sia perché ostacolano il passaggio di vento tra le piante stesse.  Un suggerimento efficacissimo in caso di impollinazioni pigre è quello si scuotere leggermente le piante, simulando così l’azione del vento. L’operazione andrebbe eseguita spesso, anche ogni giorno.

Fiori e bacche di Piccadilly sullo stesso getto fiorale
 

Vedi anche questi articoli:
Compostaggio con i resti dei pomodori
Seminare pomodori con l’aiuto dei dischetti di torba. 

Raccogliere i semi di pomodoro
Un pomodoro insolito: la varietà Brandwine
Cimare e sfogliare i pomodori
Potare i pomodori da tavola
I pomodorini Piccadilly

 


500 segreti per avere un orto meraviglioso

320 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 18,90  Vedi prezzo scontato

L’antica abitudine di coltivare un orto sta tornando di grande attualità. Dopo qualche decennio trascorso nella illusione di un consumismo facile senza prezzi da pagare, ci stiamo accorgendo che alcuni prezzi ci sono: la rinuncia alla genuinità dei cibi e una totale subordinazione a un sistema produttivo di cui non si conoscono i meccanismi. L’orto come lo si intende oggi non è solo una piccola fonte di reddito, ma soprattutto una nuova filosofia di vita, un metodo sano per recuperare il giusto rapporto con la natura, con la terra e con il cielo. Purtroppo, molte conoscenze sono andate perse, e oggi non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni non accademiche, ma pratiche, a chi vuole incominciare.
L
o trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI


Coltivare l’orto
gruppo aperto

4000 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
7400 fans!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!
Pochi pomodori? Occorre migliorare l’impollinazioneultima modifica: 2013-04-16T11:45:50+00:00da coltivarelorto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento